bla bla bla
Turismo e cultura

INNOVAZIONE DEI SERVIZI DI GESTIONE IMMOBILIARE E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO-CULTURALE

L’Azienda Ospedaliera S. Giovanni Addolorata di Roma apre le porte a soluzioni innovative per la gestione e la valorizzazione del proprio patrimonio immobiliare, storico, artistico e archeologico, proponendosi quale progetto pilota per la PA.

La Sfida

Lo scenario applicativo L’Azienda Ospedaliera S. Giovanni – Addolorata (AOSGA) gestisce uno dei più importanti ospedali della Capitale, situato in una zona centrale e particolarmente di pregio sotto il profilo culturale e antropologico, nonché turistico, con 655 posti letto in degenza ordinaria e 85 posti letto in day-hospital per un numero di presenze annue stimabile in oltre 400.000 soggetti (visitatori inclusi).

L’AOSGA dispone di un significativo patrimonio immobiliare dedicato all’attività di cura e assistenza dei malati.

Al contempo, l’AOSGA dispone di spazi non utilizzati e non funzionali alle attività "core" di cura e di assistenza di circa 25.000 mq, in gran parte di rilevante interesse storico, artistico e archeologico ed è proprietaria di beni mobili (mosaici, quadri, sculture, vasellame, ecc.), anch’essi di grande interesse storico artistico.

Tali beni e spazi potrebbero trovare sfruttamento, ad esempio, nell’ambito del benessere psico-fisico dell’individuo, in sinergia con le attività istituzionali, così come in connessione a funzioni diverse quali quelle della formazione, della ricerca, della cultura, del turismo, dell'intrattenimento, del restauro, dell’accoglienza, dell’incubazione di startup innovative attinenti i settori predetti.

Il fabbisogno L’Azienda Ospedaliera, totalmente impegnata nel perseguimento dei suoi obiettivi primari di cura e di assistenza, non riesce a sfruttare appieno il valore potenziale dell'ingente patrimonio artistico-culturale di cui è in possesso, magari gestendolo in modo innovativo ed efficiente. Tale patrimonio, pertanto, rimane non fruibile per i soggetti terzi e inespresso nella sua capacità di generare reddito.

La proprietà di questi beni - che gestiti e valorizzati da un soggetto che per vocazione e scopo istituzionale fosse in grado di effettuare corretti ed adeguati investimenti, tali da poter essere generatori di una significativa remunerazione – allo stato rappresenta principalmente un onere manutentivo per l’AOSGA.

L’Azienda intende, quindi, con il coinvolgimento di partner, sponsor, affidatari, concessionari, fornitori tecnologici, individuare ed adottare soluzioni che consentano di coniugare l’esigenza di conservazione e manutenzione del patrimonio, in particolare quello di valore storico, con le enormi potenzialità di valorizzazione degli spazi e dei beni mobili attualmente poco utilizzati, soprattutto con approcci e modelli di business originali e innovativi nonchè con l’utilizzo di nuove tecnologie.

La consultazione di mercato

Con riferimento al fabbisogno descritto, l'Azienda Ospedaliera "Complesso Ospedaliero S. Giovanni - Addolorata" intende procedere ad una consultazione preliminare di mercato, ai sensi dell'art. 66 del D.Lgs 50/2016.

La consultazione è un evento aperto, indirizzato in particolare agli operatori di mercato, ai potenziali partner e sponsor, ma anche alle università, ai centri di ricerca, alle startup, alle aziende innovative, agli operatori dei terzo settore, che potranno proporre soluzioni nuove e originali per il miglior sfruttamento degli spazi messi a disposizione dall'Azienda.

La prima seduta di consultazione pubblica si è tenuta il 23 ottobre 2019 presso la sede di AgID in via Listz, 21 Roma.

La seconda seduta di consultazione pubblica si è tenuta il 3 dicembre 2019 ore 9:30 presso l'Azienda Ospedaliera San Giovanni Addolorata, Antica Corsia Folchi, in Piazza San Giovanni in Laterano 76, Roma.

Informazioni di dettaglio sulla procedura.