Appaltinnovativi.GOV, la Piattaforma degli appalti di innovazione.

Appaltinnovativi.gov è la "Piattaforma per gli appalti di innovazione" prevista dal DPCM 21 febbraio 2019 - Piano Triennale per l’Informatica nella Pubblica Amministrazione 2019-2021. La Piattaforma supporta inoltre le azioni di Open Innovation e Innovation Procurement individuate dal Piano nazionale dell'Innovazione - 2025 - Strategie per l'innovazione tecnologica e la digitalizzazione del Paese.
La Piattaforma per gli appalti di innovazione si pone i seguenti obiettivi:
  • favorire l’emersione, la qualificazione e l'aggregazione della domanda pubblica di innovazione;
  • diffondere conoscenza e consapevolezza delle modalità e degli strumenti per realizzare progetti e appalti di innovazione;
  • coinvolgere nella maniera più ampia possibile il mercato, convogliandolo verso la conoscenza della domanda pubblica innovativa e stimolando la proposizione delle migliori soluzioni possibili in una logica di open innovation;
  • favorire l’incontro tra la domanda e l’offerta di soluzioni innovative, incentivando un’efficace collaborazione tra PA, imprese ed enti di ricerca, in linea con quanto previsto dall'Agenda Digitale Italiana.
Allo stato attuale Appaltinnovativi.gov è soprattutto una raccolta delle sfide di innovazione proposte dalle Amministrazioni italiane a partire dal 2012, anche nell’ambito di programmi nazionali e dei finanziamenti europei. Nella sua evoluzione Appaltinnovativi.gov.it accoglierà tutto il percorso dell’innovazione "demand driven", dall’emersione del bisogno fino all’acquisto di soluzioni innovative.
L'iniziativa è condotta secondo una logica inclusiva e intende federare le piattaforme di Open Innovation delle Regioni, i portali dei Cluster tecnologici, delle Associazioni rappresentative degli operatori economici con l’obiettivo di creare un network che prepari i fattori della produzione di innovazione del nostro Paese.
Appaltinnovativi.GOV vuole far conoscere un'amministrazione diversa, che sperimenta e sfida il meglio del mercato, della conoscenza e della capacità industriale.

 

Il Piano Triennale per l'Informatica nella PA 2020-2022

Il Piano Triennale per l'Informatica nella PA 2020-2022, aprovato con DPCM del 17 luglio 2020, prosegue nel solco di quello precedente e fornisce ulteriore slancio alla diffusione degli appalti di innovazione e allo sviluppo di piattaforme di acquisto dedicate.
Il Piano, tra l'altro, affida ad Agid il compito di promuovere la costituzione di un ecosistema istituzionale, che coinvolga i diversi livelli della Pubblica Amministrazione fino agli enti locali, per la valorizzazione della domanda pubblica di innovazione e la diffusione della cultura della trasformazione digitale. Il tutto con immediati vantaggi per cittadini e imprese.
Gli appalti di innovazione, l’innovation procurement, potranno rappresentare sempre più uno strumento aperto di sfida e stimolo alla partecipazione competitiva di un mercato allargato, che interessa le grandi imprese, ma anche e soprattutto le PMI, le start-up, il terzo settore, le università e i centri di ricerca. L'obiettivo di fondo è di traslare la logica dell'open innovation, dal settore strettamente privato, a cui attualmente è confinata, a quello pubblico: open innovation public procurement.
"Con il Piano triennale 2020-2022 si assume la consapevolezza che innovation procurement e open innovation debbano essere utilizzati sinergicamente con il duplice scopo di accelerare la trasformazione digitale dell’amministrazione pubblica e creare nuovi mercati di innovazione."

Che cosa sono gli appalti innovativi?

Gli appalti innovativi sono procedure previste dalla legislazione comunitaria e nazionale che rivoluzionano le modalità e l’oggetto degli acquisti della Pubblica Amministrazione. Tramite gli appalti innovativi, la PA lancia una “sfida” al mercato esprimendo il proprio fabbisogno in termini funzionali, lasciando agli operatori di mercato la libertà di proporre la soluzione più idonea. 
Una domanda pubblica qualificata e sfidante favorisce la crescita della ricerca pubblica e industriale, promuove lo sviluppo di prodotti e servizi innovativi, mantiene alta la competitività sul mercato internazionale, apre spazi all’occupazione di qualità.
La stessa Unione Europea raccomanda l’utilizzo degli appalti di innovazione: “(...) Le autorità̀ pubbliche dovrebbero utilizzare gli appalti pubblici strategicamente nel miglior modo possibile per stimolare l’innovazione. L’acquisto di prodotti, lavori e servizi innovativi svolge un ruolo fondamentale per migliorare l’efficienza e la qualità dei servizi pubblici e nello stesso tempo affrontare le principali sfide a valenza sociale. (...)”specifica la Direttiva Appalti UE 24/2014 (Considerando 47).
Nasce Appaltinnovativi.gov - link YouTube
Appalti pubblici per servizi sempre più efficienti* - link YouTube * Filmato pubblicato sul canale Youtube "FPAtv - FPA Digital 360"

Collaborazioni e accordi

AGID collabora con partner istituzionali e operatori di mercato per promuovere l’utilizzo degli appalti innovativi nelle PA e sviluppare la Piattaforma:
  • Aprile 2015-2018: accordo di collaborazione triennale tra AgID e MIUR per la pianificazione e l’attuazione delle attività per lo sviluppo di servizi o prodotti innovativi in grado di soddisfare una domanda espressa dalle pubbliche amministrazioni, attraverso la pubblicazione dei bandi relativi alle manifestazioni di interesse selezionate dal MIUR

Il supporto di AgID alle PA

L'Agenzia per l'Italia Digitale ha un ruolo strategico nella promozione e nello sviluppo del procurement d'innovazione. Per conoscere in dettaglio le attività dell'Agenzia in questo ambito, si rimanda all'apposita sezione del sito istituzionale.
Le amministrazioni impegnate nello sviluppo di appalti d’innovazione possono richiedere supporto ad AgID, contattando il Servizio strategie di procurement e innovazione del mercato.

Il roadshow sui territori

Nell’ottica di favorire una migliore conoscenza degli appalti innovativi, supportando PA e mercato nell’utilizzo di queste procedure, l’AgID, insieme a Confindustria, Conferenza delle Regioni e Province autonome e Itaca, come azione operativa del Protocollo d’Intesa sottoscritto, ha avviato il roadshow “Gestire la domanda pubblica come leva d’innovazione”, che comprende il workshop “Facciamo appalti d’innovazione; un laboratorio per PPAA, imprese e ricerca” .
Il roadshow fa tappa in varie città italiane, ha lo scopo di stimolare l'emersione dei fabbisogni di innovazione e di incentivare il dialogo tra protagonisti dell’innovazione pubblica e privata.
Quinta tappa: Roma 11 dicembre 2019
 
Quarta tappa: Bari 19 settembre 2019
 
Terza tappa: Napoli 9 luglio 2019

 

                                                                                                               Seconda tappa: Milano 8 febbraio 2019                                                                                                                 
                                                                                                          

 

 Prima tappa: Roma 12 dicembre 2018